iconArrowBackiconArrowBottomiconBasketiconBasket2iconBasketGastroiconBubbleSingleiconBubbleSpeechiconCalendariconCalendarCheckiconCheficonConciergeiconDestinationiconFacebookiconFavoritesiconFlowersiconGooglePlusiconHomeiconInstagramiconInvitationiconLabeliconLinkediniconListiconLockiconLogouticonLysRCiconMedalPlusiconNotesiconPinteresticonRefreshiconResaiconRoute1234iconSearchiconSettingiconShareiconTagiconToqueiconToqueDrawingiconTrashCaniconTwittericonUsericonViewListiconViewMapiconVillaiconWaiterDrawingiconWineDrawingiconXperience
A proposito di Relais & Châteaux
Scoprite i nostri ristoranti gastronomici e i nostri hotel di charme nel mondo
Scoprite tutti i nostri Chef
Chef Relais & Châteaux

Philippe Chevrier & Damien Coche

Chef Relais & Châteaux

Philippe Chevrier & Damien Coche
Domaine de Châteauvieux
Membro Relais & Châteaux dal 2003
16 Chemin de Chateauvieux
CH-1242 Peney-Dessus Satigny
Svizzera

HOTEL

Domaine de Châteauvieux

12 camere: 290-440 CHF s.c.
1 suite: 535 CHF s.c.



RISTORANTE

Domaine de Châteauvieux

Menù 96-290 CHF s.c. - 57-191 EUR Carta 172-210 CHF s.c. - 107-131 EUR

Visionare i dettagli del ristorante




Terminologia: t. = tasse s.n.i= servizio non compreso s.i. = servizio compreso : t. = tasse - s.n.c = servizio non compreso - s.c = servizio compreso


LA STORIA DI UNO CHEF

“I miei pari: sono stati loro a darmi il rigore e la professionalità che devono contraddistinguere un Grand Chef. A cominciare da Louis Outhier de l’Oasis, a La Napoule, poi Frédy Girardet al Restaurant de l’Hôtel de Ville, a Crissier. Ma, per quel che riguarda il mio percorso, innanzi tutto devo mettere in primo piano le donne. Sono cresciuto in Svizzera, ad Aïre, nel comune di Vernier, sempre tra di loro. Mia nonna, mia madre, mia zia… Sono stato allevato da loro; sono state loro a nutrirmi coi loro piatti casalinghi così saporiti e con le loro idee; sono state ancora loro a destare la mia sensibilità per la cucina: un mestiere, sì, ma soprattutto un’Arte di Vivere, di creare e di stringere dei legami. È stata appunto questa filosofia che mi ha condotto a rilevare il Domaine de Châteauvieux all’età di 27 anni. Ero convinto che la sua forza, il suo carattere, la sua storia, la brigata messa insieme avrebbero garantito un’esperienza per tutti i sensi, la mia cucina in testa. A prescindere dalle mode e da altri trucchi, i miei piatti tendono a esprimere l’eccellenza dei migliori prodotti, senza concessioni e con il massimo rispetto.”

IL CARDO - PARLATECI DEL VOSTRO PRODOTTO PREFERITO

Il cardo è fine, ha una consistenza vellutata ed è molto saporito, sia caldo che freddo. Si mangia da dicembre a marzo ed ha una denominazione di origine controllata. Il cardo argentato di Plainpalais, il più saporito, si coltiva nella campagna ginevrina. Ce lo fornisce il nostro orticoltore, come tutte le verdure e la frutta di stagione. C’interessano molto i prodotti locali, perché permettono di rispettare l’ambiente.

 

IL CARDO - COME LO PREPARATE?

Gratinato, in millefoglie con funghi o semplicemente freddo con una vinaigrette alle erbe. Per me, comunque, il miglior accompagnamento è il tartufo nero.

 

Relais & Châteaux
Scoprite perché prenotare con Relais & Châteaux offre un mondo di privilegi