iconActivityiconArrowBackiconArrowBottomiconBasketiconBasket2iconBasketGastroiconBubbleSingleiconBubbleSpeechiconCalendariconCalendarCheckiconCheficonConciergeiconDestinationiconFacebookiconFavoritesiconFlowersiconGifticonGooglePlusiconHistoryiconHomeiconHoteliconHouseRCiconHouseRC2iconInstagramiconInvitationiconLabeliconLinkediniconListiconLockiconLogouticonLysRCiconMailiconMedalPlusiconMembersiconMobileiconMoodboardiconNotesiconPhoneiconPieiconPinteresticonPresentationiconPressReleaseiconPrinticonQuotesiconRefreshiconResaiconRestauranticonRoute1234iconScreeniconSearchiconSettingiconShareiconTagiconToqueiconToqueDrawingiconTrashCaniconTwittericonUsericonViewListiconViewMapiconVillaiconWaiterDrawingiconWineDrawingiconXperience

Proseguendo la navigazione sul nostro sito, l'utente accetta l'installazione (i) di cookie per misurare il pubblico del sito, la relativa frequentazione e la navigazione dell'utente, per proporre offerte in linea con gli interessi dell'utente e messaggi pubblicitari personalizzati e (ii) cookie di terzi la cui finalità è proporre video, pulsanti di condivisione e commenti dai social network.
Per saperne di più

A proposito di Relais & Châteaux
Scoprite i nostri ristoranti gastronomici e i nostri hotel di charme nel mondo

POMMERY

Pommery, il genio creatore

Nel corso del XIX secolo, in una Francia riformatrice e improntata di modernità, Madame Pommery inventa il primo champagne Brut della storia.
Questa nuova idea si accompagnerà all’edificazione della Tenuta Pommery a Reims al di sopra delle sorprendenti cave di gesso gallo-romane che continuano a ospitare le preziose bottiglie di Pommery.
Più moderno che mai, il Brut Royal firmato Pommery è oggi famoso in tutto il mondo per l’eccellenza del suo know-how e il suo stile inimitabile fatto di eleganza e di aromi fruttati.

Io sottoscritta, signora Pommery: «…ho preso la decisione di continuare il commercio e di sostituirmi a mio marito…».
Dopo avere stabilito questo precetto nel 1858, la giovane vedova Jeanne Alexandrine Louise Pommery va alla conquista dei mercati nazionali e internazionali e scombina, senza esitazioni, alcune regole della gestione d’impresa. Nel luglio 1868 Madame Pommery lancia «ciò che a Reims è stato il più grande cantiere del secolo»: la metamorfosi delle cave di gesso gallo-romane in cantine dedicate allo Champagne Pommery.
«Damas, ci serve un vino il più secco possibile ma privo di durezza… che sia morbido, vellutato e armonioso… Deve curare la finezza prima di tutto.»
Grazie ai suoi viaggi in Inghilterra, Madame Pommery sa che il gusto dell’alta società inglese si sta evolvendo verso vini meno ricchi di zucchero, meno carichi. Questa audace richiesta, in un’epoca in cui domina il gusto dolce, trova risposta nel 1874: Victor Lambert, successore di Olivier Damas, Chef de Cave Pommery, crea il primo “brut” millesimato della storia della Champagne, il Pommery Nature 1874. Una rivoluzione nella Champagne. Un’incredulità beffarda. Ma un successo senza precedenti: sotto l’impulso di Madame Pommery, si impone lo stile Pommery «ricco di finezza e di leggerezza sorridente». Si acuisce oggi nel Brut Royal e nella Cuvée Louise. Incessantemente differente, sempre unico dopo la sua lenta maturazione nell’oblio delle cave di gesso. Così il Pommery Nature del 1874, primo brut della storia dello champagne, entra nella leggenda.
Dal 2002 Paul-François Vranken prosegue il destino di Pommery come l’ha forgiato Louise: spirito di avanguardia, cuore generoso, volontà tenace che si illustrano in un modo di essere e di vivere Pommery – la sensibilità inventiva, la scaltra raffinatezza. E in uno stile unico, gli Champagne Pommery continuano la loro bella storia fatta di leggerezza sorridente, di freschezza luminosa e di tenera vivacità…

Approfondisci
Relais & Châteaux
Scoprite perché diventare partner di Relais & Châteaux è un ottimo investimento.