Chiudere Close
Relais & Châteaux, è un mondo a parte, un mondo diverso. Un mondo accogliente, caloroso, gourmet, nel quale l'esigenza della migior qualità condivisa dai nostri affiliati si unisce alla passione per la loro struttura e per il territorio che l'accoglie.
Fermer fermer
L’arte di regalare Relais & Châteaux con i nostri Buoni e Cofanetti regalo CRÉATION. Per un week-end d’incanto in un ambiente eccezionale, un soggiorno fuori dal mondo o una cena gastronomica alla tavola di uno dei nostri Grands Chefs, più di 300 Maisons Relais & Châteaux accolgono le persone che avete scelto di coccolare, per un’esperienza indimenticabile.

Beneficiario di un regalo CRÉATION? Beneficiario di un forfait LYS?

Chiudere Close
Scoprite un vero giro del mondo della collezione Relais & Châteaux. Per qualsiasi occasione, qualunque sia la durata del vostro soggiorno, ogni Dimora vi offrirà il meglio della sua cultura e del suo territorio.
Il nostro canale TV
Guardate i nostri video tematici
 

 
Chiudere Close
Vivere un’esperienza Relais & Châteaux significa vivere nuove sensazioni. Ognuna delle nostre strutture offre la possibilità di esplorare una varietà di sensazioni incomparabili, dove la bellezza di un luogo, il calore dell’accoglienza e la qualità di una tavola si coniugano in modo perfetto. Profumi e sapori, paesaggi e colori trasformano ogni soggiorno in un momento raro e intenso.
Chiudere Close
Scoprite l’eccellente cucina proposta nelle nostre dimore: tradizionale o contemporanea, non manca mai di stupire con la sua incredibile creatività. Questa caratteristica d’eccellenza è riconosciuta in tutto il mondo, poichè i nostri Grands Chefs sono considerati il vertice della gastronomia più raffinata.

Stampare questa pagina inviare questa pagina a un amico

The Inn at Little Washington.

Ristorante di un Grand Chef Relais & Châteaux e hotel in campagna. Stati Uniti,Washington

Patrick O’Connell

Chef
The Inn at Little Washington Washington 22747

Ho passato i primi cinque anni della mia vita dalla parte sbagliata a Washington D.C. fino a quando mia famiglia si è trasferita nel sud del Maryland : strade sporche, piccole fattorie e grandi negozi. Da allora è cambiato tutto. Ho ottenuto il primo lavoro come cuoco da Mister H hamburger. Ho bussato alla sua porta e lui mi ha chiesto: « cosa puoi saper fare tu? Sai fare un minestrone ? ». Era un vecchio fanatico della cucina. L’estate dopo, a 15 anni, sono tornato e mi ha detto che dovevo lavorare in un posto migliore. È così che sono stato presentato da un amico a un ristorante in Virginia. E ben presto, dopo aver ottenuto un diploma di teatro all’università cattolica, mi sono aggirato tra la gente e la cultura legati alla ristorazione. Era come se il resto del mondo, in confronto, fosse in bianco e nero e noioso.

I clienti mi ricaricano le batterie, cosa abbastanza singolare, basta che una persona faccia un commento, attento e toccante che io sia totalmente rivitalizzato, basta che qualcuno riconosca ciò che faccio con amore, che non è una transazione finanziaria. Una donna, una volta mi ha detto: « spero che voi non vi offendiate, ma quando si oltrepassa la vostra porta, ci si rende conto che tutto questo non ha niente a che vedere con i soldi ».


Qual è stata la Vostra più grande emozione gastronomica?
Probabilmente il piatto feticcio di mia madre Gwen : « La piccola Nancy Etticoat nel suo petticoat bianco ». Spiega bene lo spirito culinario di questa epoca : una banana guarnita circondata da fettine di ananas Dole, di una foglia di lattuga iceberg e condita da un bel cucchiaio di maionese Hellman e una ciliegia al maraschino.

L'incidente in cucina più divertente a cui avete assistito?
La volta in cui una delle mie dipendenti, Debbie, ha riempito la dispensa e un frigo con troppi mirtilli. Era appena uscita dalla cucina, quando ho sentito un fracasso e un lamento. Debbie aveva aperto il frigo e le era caduto addosso e lei si era ritrovata sommersa dai mirtilli. Quando l’ho recuperata, era coperta di nero e di blu. I mirtilli l’avevano protetta. L’abbiamo lavata con un getto d’acqua e più tardi abbiamo fatto un galletto all’aceto di mirtillo, che è divenuto poi un classico. È un buon esempio di come un disastro, possa divenire un'opportunità.

Il consiglio per i cuochi della domenica?
La padronanza. Tutto ciò di cui avete bisogno nella vita è avere la padronanza di qualcosa. Di conseguenza, scegliete un menù: un antipasto, un piatto principale, un dessert, e realizzatelo tutte le domeniche per nove anni, fino a quando non sarà perfetto.


Hotel
Scegliere una data



Centro prenotazioni (Stati Uniti)

1 800 735 2478

Chiamate da un altro paese ? Cliccare qui