Chiudere Close
Relais & Châteaux, è un mondo a parte, un mondo diverso. Un mondo accogliente, caloroso, gourmet, nel quale l'esigenza della migior qualità condivisa dai nostri affiliati si unisce alla passione per la loro struttura e per il territorio che l'accoglie.
Fermer fermer
L’arte di regalare Relais & Châteaux con i nostri Buoni e Cofanetti regalo CRÉATION. Per un week-end d’incanto in un ambiente eccezionale, un soggiorno fuori dal mondo o una cena gastronomica alla tavola di uno dei nostri Grands Chefs, più di 300 Maisons Relais & Châteaux accolgono le persone che avete scelto di coccolare, per un’esperienza indimenticabile.
Chiudere Close
Scoprite un vero giro del mondo della collezione Relais & Châteaux. Per qualsiasi occasione, qualunque sia la durata del vostro soggiorno, ogni Dimora vi offrirà il meglio della sua cultura e del suo territorio.
Il nostro canale TV
Guardate i nostri video tematici
 

 
Chiudere Close
Vivere un’esperienza Relais & Châteaux significa vivere nuove sensazioni. Ognuna delle nostre strutture offre la possibilità di esplorare una varietà di sensazioni incomparabili, dove la bellezza di un luogo, il calore dell’accoglienza e la qualità di una tavola si coniugano in modo perfetto. Profumi e sapori, paesaggi e colori trasformano ogni soggiorno in un momento raro e intenso.
Chiudere Close
Scoprite l’eccellente cucina proposta nelle nostre dimore: tradizionale o contemporanea, non manca mai di stupire con la sua incredibile creatività. Questa caratteristica d’eccellenza è riconosciuta in tutto il mondo, poichè i nostri Grands Chefs sono considerati il vertice della gastronomia più raffinata.

Stampare questa pagina inviare questa pagina a un amico

Le Quartier Français.

Ristorante di un Grand Chef Relais & Châteaux e hotel in un borgo. Sudafrica,Franschhoek

Margot Janse

Chef
Le Quartier Français Franschhoek 7690

“Il mio percorso rispecchia fedelmente la mia preparazione: volontaria, magica, senza ostacoli. Nata nei Paesi Bassi, proseguo i miei studi di teatro e fotografia in Sudafrica, a Johannesburg. A 23 anni, si opera in me la “magia della cucina”. Scopro un universo che mi affascina e mi attira, fino al punto di convincere Ciro Molinaro a formarmi. Questo chef, uno dei più stimati a Johannesburg, mi trasmette le basi del mestiere ma non solo, ancor più importante: incoraggia la mia creatività. Nel 1995 mi sento ormai pronta: entro a far parte de Le Quartier Français nella veste di chef. Al presente, dopo ben diciotto anni da allora, continuo a difendere una cucina per molti versi selvaggia. “Non mi piaciono i piatti insulsi. Non mi piaciono i piatti garantiti”, sono solita dire. Le mie creazioni si nutrono di prodotti africani eccezionali, cambiano in continuazione, si giocano certezze e idee ricevute, sono a un tempo raffinati e sorprendenti, inaspettati e avvincenti, in una parola: magici!”


Qual è stata la sua più grande emozione gastronomica?
Senza ombra di dubbio una cena molto speciale organizzata anni fa. Quella sera avevo davvero a cuore di fare l’impossibile per 60 commensali. Tutte le mie brigate lavoravano ininterrottamente, sia di giorno che di notte. Eravamo stati costretti a noleggiare degli altri forni. L’elettricità saltava di continuo… Fu una sfida enorme, ma noi abbiamo comunque saputo raccoglierla: finita la cena, i nostro clienti si sono spontaneamente alzati in piedi per acclamarci. Mi sono sentita molto commossa per questo riconoscimento: la mia brigata aveva dato il meglio di se.

Qual è l’incidente di cucina più divertente che le sia capitato?
Nel settembre del 2000 stavo facendo uno stage di tre mesi presso The French Laundry di Thomas Keller. Un’esperienza che metteva in soggezione, il forte accento americano non era di grande aiuto, tutto il contrario … Uno dei sous-chefs mi chiese di portargli il “pastacrap”. Dopo avergli fatto ripetere tre volte il termine in questione senza raccapezzarmi, mi dissi che avrei potuto riconoscere l’oggetto non appena lo avessi visto. Mi misi quindi a frugare nell’armadio segnalatomi e un altro sous-chef mi domandò che cosa stessi cercando. Il “pastacrap”, borbottai. Nemmeno lui aveva la più pallida idea di che cosa fosse. Dopo averci provato ancora tre volte, finalmente capii ciò che mi era stato chiesto: il “plastic wrap” (il film plastico)… Mi viene ancor’oggi da ridere.

Il migliore consiglio che potreste dare ai cuochi della domenica?
Di lavorare a testa china, ma con gli occhi e le orecchie molto aperti. Di assorbire tutto, come una spugna.


Hotel
Scegliere una data



Centro prenotazioni (Stati Uniti)

1 800 735 2478

Chiamate da un altro paese ? Cliccare qui