Chiudere Close
Relais & Châteaux, è un mondo a parte, un mondo diverso. Un mondo accogliente, caloroso, gourmet, nel quale l'esigenza della migior qualità condivisa dai nostri affiliati si unisce alla passione per la loro struttura e per il territorio che l'accoglie.
Fermer fermer
L’arte di regalare Relais & Châteaux con i nostri Buoni e Cofanetti regalo CRÉATION. Per un week-end d’incanto in un ambiente eccezionale, un soggiorno fuori dal mondo o una cena gastronomica alla tavola di uno dei nostri Grands Chefs, più di 300 Maisons Relais & Châteaux accolgono le persone che avete scelto di coccolare, per un’esperienza indimenticabile.
Chiudere Close
Scoprite un vero giro del mondo della collezione Relais & Châteaux. Per qualsiasi occasione, qualunque sia la durata del vostro soggiorno, ogni Dimora vi offrirà il meglio della sua cultura e del suo territorio.
Il nostro canale TV
Guardate i nostri video tematici
 

 
Chiudere Close
Vivere un’esperienza Relais & Châteaux significa vivere nuove sensazioni. Ognuna delle nostre strutture offre la possibilità di esplorare una varietà di sensazioni incomparabili, dove la bellezza di un luogo, il calore dell’accoglienza e la qualità di una tavola si coniugano in modo perfetto. Profumi e sapori, paesaggi e colori trasformano ogni soggiorno in un momento raro e intenso.
Chiudere Close
Scoprite l’eccellente cucina proposta nelle nostre dimore: tradizionale o contemporanea, non manca mai di stupire con la sua incredibile creatività. Questa caratteristica d’eccellenza è riconosciuta in tutto il mondo, poichè i nostri Grands Chefs sono considerati il vertice della gastronomia più raffinata.

Stampare questa pagina inviare questa pagina a un amico

Restaurant Guy Lassausaie.

Ristorante di un Grand Chef Relais & Châteaux in campagna. Francia,Chasselay

Guy Lassausaie

Chef
Restaurant Guy Lassausaie Chasselay 69380

“A Chasselay, vicino a Lione, alle porte del Beaujolais, il ristorante familiare fondato nel 1906 dal mio bisnonno aveva già visto passare dalla sua cucina tre generazioni di Lassausaie. Il mio destino era stato definitivamente tracciato … o quasi. Dopo aver fatto la scuola alberghiera, mi sono orientato verso la sala e il servizio! Ciò nonostante, dopo un’esperienza decisiva a La Pyramide di Vienne, ho scelto definitivamente il piano cottura, per la precisione quello de L’Oasis a La Napoule, prima di farmi carico di quello nostro, una volta tornato al mio paese.
Da allora sono ormai passati più di trent’anni, forte di un diploma di Meilleur Ouvrier de France, vi difendo una cucina tutta personale, basata sulla mia formazione classica, sul mio amore per la cucina lionese e sui miei viaggi all’estero. Creazioni meticce che sanno coniugare tradizioni e modernità, eccellenza e convivialità, qui e altrove, sia a tavola sia nel negozio contiguo. Così da prolungare a casa i piaceri golosi.”


Qual è stata la sua più grande emozione gastronomica?
Senza ombra di dubbio, il pranzo da Madame Point. Ero molto impressionato, sia dal personagggio sia dalla specialità del suo stabilimento, la torta Marjolaine. Ne conservo un ricordo commosso.

Qual è l’incidente di cucina più divertente che le sia capitato?
Durante una settimana gastronomica a Montevideo (Uruguay), la brigata in pieno che mi era stata assegnata mi piantò in asso non appena iniziato il primo servizio. Per fortuna ci fu possibile ottenere un’altra brigata quasi subito, con l’aiuto dei chef della città, ma soprattutto dell’interprete che mi affiancava, che in quell’occasione dovette occuparsi del … passavivande!

Il migliore consiglio che potreste dare ai cuochi della domenica?
Di selezionare dei prodotti buoni e di non cucinare dei piatti complicati.