Chiudere Close
Relais & Châteaux, è un mondo a parte, un mondo diverso. Un mondo accogliente, caloroso, gourmet, nel quale l'esigenza della migior qualità condivisa dai nostri affiliati si unisce alla passione per la loro struttura e per il territorio che l'accoglie.
Fermer fermer
L’arte di regalare Relais & Châteaux con i nostri Buoni e Cofanetti regalo CRÉATION. Per un week-end d’incanto in un ambiente eccezionale, un soggiorno fuori dal mondo o una cena gastronomica alla tavola di uno dei nostri Grands Chefs, più di 300 Maisons Relais & Châteaux accolgono le persone che avete scelto di coccolare, per un’esperienza indimenticabile.

Beneficiario di un regalo CRÉATION? Beneficiario di un forfait LYS?

Chiudere Close
Scoprite un vero giro del mondo della collezione Relais & Châteaux. Per qualsiasi occasione, qualunque sia la durata del vostro soggiorno, ogni Dimora vi offrirà il meglio della sua cultura e del suo territorio.
Il nostro canale TV
Guardate i nostri video tematici
 

 
Chiudere Close
Vivere un’esperienza Relais & Châteaux significa vivere nuove sensazioni. Ognuna delle nostre strutture offre la possibilità di esplorare una varietà di sensazioni incomparabili, dove la bellezza di un luogo, il calore dell’accoglienza e la qualità di una tavola si coniugano in modo perfetto. Profumi e sapori, paesaggi e colori trasformano ogni soggiorno in un momento raro e intenso.
Chiudere Close
Scoprite l’eccellente cucina proposta nelle nostre dimore: tradizionale o contemporanea, non manca mai di stupire con la sua incredibile creatività. Questa caratteristica d’eccellenza è riconosciuta in tutto il mondo, poichè i nostri Grands Chefs sono considerati il vertice della gastronomia più raffinata.

Stampare questa pagina inviare questa pagina a un amico

Restaurant Jean Sulpice.

Ristorante di un Grand Chef Relais & Châteaux in montagna. Francia,Val Thorens

Jean Sulpice

Chef
Restaurant Jean Sulpice Val Thorens 73440

“La Savoia… Nato a Aix-les-Bains, è stata questa regione a costruirmi. A cominciare dai suoi uomini, come ad esempio Marcel Rivolli, mio nonno. Di mestiere albergatore, aveva l’abitudine di condividere con noi un pranzo di famiglia o una grande tavolata ogni domenica e tutti i giorni di festa. Più che sufficiente per risvegliare il mio gusto. Dopo di che la pratica e l’insegnamento. Questo lo devo al chef Marc Veyrat, che raggiungo nel 1997 come apprendista per poi finire secondo in cucina. Nel 2002, insieme a mia moglie Magali, mi stabilisco al Restaurant L’Oxalys, il più alto d’Europa. Sito a più di 2300 m. di altitudine, mi procura un ambiente in perfetta armonia con me stesso. Montanaro e sportivo, amo allontanarmi dai sentieri frequentati, restare il più vicino possibile alla natura. La mia cucina segue, istintiva, audace, equilibrata, senza sbruffonerie, i prodotti della Savoia, sempre all’ascolto delle sue tradizioni. Sono tutt’essi valori e sapori che a mia volta trasmetto al mio piccolo e ai suoi compagni nel cucinare i pranzi dell’asilo nido di Val Thorens. Un circolo che riporta al punto di partenza.”


Qual è stata la sua più grande emozione gastronomica?
Nel 1998, con occasione di una cena di fine stagione da Marc Veyrat, ho riscoperto i prodotti della nostra regione attraverso creazioni inventive, uniche, che uniscono erbe, fiori, giochi di consistenze e di sapori. È stata un’esperienza che mi ha profondamente segnato e rimarrà impressa per tutta la vita nella mia memoria. Ha ispirato molto la mia cucina.

Qual è l’incidente di cucina più divertente che le sia capitato?
Quando sono arrivato a Val Thorens, è stato necessario adeguare la mia cucina alle leggi fisiche dell’altitudine. Il mio primo uovo al tegame a 2300 m. d’altitudine fu una vera sfida! Qui cuociono a 95°C e non a 100°C!

Il migliore consiglio che potreste dare ai cuochi della domenica?
Saper mantenere la semplicità, privilegiare i prodotti di stagione e di qualità e provare piacere nel cucinare.