Chiudere Close
Relais & Châteaux, è un mondo a parte, un mondo diverso. Un mondo accogliente, caloroso, gourmet, nel quale l'esigenza della migior qualità condivisa dai nostri affiliati si unisce alla passione per la loro struttura e per il territorio che l'accoglie.
Fermer fermer
L’arte di regalare Relais & Châteaux con i nostri Buoni e Cofanetti regalo CRÉATION. Per un week-end d’incanto in un ambiente eccezionale, un soggiorno fuori dal mondo o una cena gastronomica alla tavola di uno dei nostri Grands Chefs, più di 300 Maisons Relais & Châteaux accolgono le persone che avete scelto di coccolare, per un’esperienza indimenticabile.

Beneficiario di un regalo CRÉATION? Beneficiario di un forfait LYS?

Chiudere Close
Scoprite un vero giro del mondo della collezione Relais & Châteaux. Per qualsiasi occasione, qualunque sia la durata del vostro soggiorno, ogni Dimora vi offrirà il meglio della sua cultura e del suo territorio.
Il nostro canale TV
Guardate i nostri video tematici
 

 
Chiudere Close
Vivere un’esperienza Relais & Châteaux significa vivere nuove sensazioni. Ognuna delle nostre strutture offre la possibilità di esplorare una varietà di sensazioni incomparabili, dove la bellezza di un luogo, il calore dell’accoglienza e la qualità di una tavola si coniugano in modo perfetto. Profumi e sapori, paesaggi e colori trasformano ogni soggiorno in un momento raro e intenso.
Chiudere Close
Scoprite l’eccellente cucina proposta nelle nostre dimore: tradizionale o contemporanea, non manca mai di stupire con la sua incredibile creatività. Questa caratteristica d’eccellenza è riconosciuta in tutto il mondo, poichè i nostri Grands Chefs sono considerati il vertice della gastronomia più raffinata.

Stampare questa pagina inviare questa pagina a un amico

Hibiscus.

Restaurante di un Grand Chef Relais & Châteaux in città. Regno Unito,Mayfair

Claude Bosi

Chef
Hibiscus Mayfair W1S 2PA

«Ho vissuto due vite, in due paesi. In Francia, a Lione, sono cresciuto tra le vigne, i mercati, il bistrot dei miei genitori. In un simile ambiente, era difficile non cedere. Mia madre mi ha trasmesso la sua passione: sarei diventato un cuoco ! Ne seguì un percorso classico segnato da grandi Maison e altrettanti insegnamenti: da Michel Rostang, la scoperta di una grande capitale internazionale, Parigi, e conseguenti aspettative dei clienti; a L’Arpège di Alain Passard, il rispetto totale per la stagione e per il prodotto …
In Inghilterra sono andato a imparare la lingua per un anno. Era il 1998. Oggi vivo ancora lì. Ho avuto la possibilità di trasformare il mio sogno d’infanzia in realtà: diventare lo chef del mio ristorante a Ludlow, prima e a Londra, poi. Essere l’unico autore di una cucina audace e teatrale, sicura, equilibrata ed elegante. Da un lato, una ricchezza rara di prodotti e le tecniche più moderne. Dall’altro, le basi classiche. L’Inghilterra e la Francia. »


Qual è stata la sua più grande emozione gastronomica?
Quando ho ottenuto la seconda stella Michelin dopo essermi trasferito a Londra.


L’incidente in cucina più divertente a cui ha assistito?
Avevo 14 anni. Un giorno a casa dei miei genitori, decido di preparare delle uova al piatto. Dovevo essere un po’ distratto. Una coltre di fumo ha invaso la cucina. Avrei potuto bruciare l’intera casa e mia madre mi avrebbe bandito dai fornelli a vita!


Il suo miglior consiglio per i cuochi della domenica?
Scegliere una ricetta, perfezionarla e appropriarsene eliminando un ingrediente e aggiungendone un altro. In poche parole: sperimentare!


Restaurant

Ottenete le disponibilità on line per una cena o un pranzo

Prenoti il Suo tavolo