Chiudere Close
Relais & Châteaux, è un mondo a parte, un mondo diverso. Un mondo accogliente, caloroso, gourmet, nel quale l'esigenza della migior qualità condivisa dai nostri affiliati si unisce alla passione per la loro struttura e per il territorio che l'accoglie.
Fermer fermer
L’arte di regalare Relais & Châteaux con i nostri Buoni e Cofanetti regalo CRÉATION. Per un week-end d’incanto in un ambiente eccezionale, un soggiorno fuori dal mondo o una cena gastronomica alla tavola di uno dei nostri Grands Chefs, più di 300 Maisons Relais & Châteaux accolgono le persone che avete scelto di coccolare, per un’esperienza indimenticabile.
Chiudere Close
Scoprite un vero giro del mondo della collezione Relais & Châteaux. Per qualsiasi occasione, qualunque sia la durata del vostro soggiorno, ogni Dimora vi offrirà il meglio della sua cultura e del suo territorio.
Il nostro canale TV
Guardate i nostri video tematici
 

 
Chiudere Close
Vivere un’esperienza Relais & Châteaux significa vivere nuove sensazioni. Ognuna delle nostre strutture offre la possibilità di esplorare una varietà di sensazioni incomparabili, dove la bellezza di un luogo, il calore dell’accoglienza e la qualità di una tavola si coniugano in modo perfetto. Profumi e sapori, paesaggi e colori trasformano ogni soggiorno in un momento raro e intenso.
Chiudere Close
Scoprite l’eccellente cucina proposta nelle nostre dimore: tradizionale o contemporanea, non manca mai di stupire con la sua incredibile creatività. Questa caratteristica d’eccellenza è riconosciuta in tutto il mondo, poichè i nostri Grands Chefs sono considerati il vertice della gastronomia più raffinata.

Stampare questa pagina inviare questa pagina a un amico

Le Gavroche.

Ristorante di un Grand Chef Relais & Châteaux in città. Regno Unito,London

Michel Roux, Jr.

Chef
Le Gavroche London W1K 7QR

Sono nato a Pembury, nel Kent, il 23 maggio 1960. Si può dire che sono praticamente nato in cucina poiché mia madre lavorava, aiutando mio padre nel suo ristorante. Ho passato la mia infanzia, tra o vicino al cibo ed è stato normale per me diventare chef. A 16 anni, ho iniziato un apprendistato dal Maître Pasticciere Henri Hellegouarch, una pasticceria parigina, seguiti da due anni nelle cucine di Alain Chapel a Mionnay. La mia cucina è fedele alle sue radici nella cucina francese classica, ma anche alla cucina borghese, al rispetto e all’amore per gli ingredienti più raffinati, infatti i piatti di stagione rappresentano la maggior parte del menù.

Per avere l’ispirazione faccio le maratone. È il mio hobby. Ho fatto quella di Londra nell’aprile 2008, poi un’altra vola nell’aprile 2009. Miglior tempo: tre ore e 31 minuti. Ho fatto anche quella di Parigi New York, Tromso, Médoc, Monaco e i 100 chilometri di Belvès in Francia. Questo mi ha aiutato a tenermi in forma ed essere mentalmente equilibrato e poi soprattutto mi fa venire fame!


Qual è stata la Vostra più grande emozione gastronomica?
Mangiare degli homard grigliati, ammirando il tramonto su un’isola minuscola dell’oceano indiano. Un bicchiere di champagne, in compagnia di mia moglie e mia figlia.

L'incidente in cucina più divertente a cui avete assistito?
Un celebre critico gastronomico ha detto un giorno che non dovrei usare il pepe nero nel purée di patate, prima di rendersi conto che si trattava di tartufi tritati !

Il consiglio per i cuochi della domenica?
Non fate esperimenti con i vostri invitati. Cucinate sempre dei piatti che avete provato e testato. Utilizzate prodotti di stagione e restate semplici per poter passare più tempo con i vostri amici che in cucina.