Chiudere Close
Relais & Châteaux, è un mondo a parte, un mondo diverso. Un mondo accogliente, caloroso, gourmet, nel quale l'esigenza della migior qualità condivisa dai nostri affiliati si unisce alla passione per la loro struttura e per il territorio che l'accoglie.
Fermer fermer
L’arte di regalare Relais & Châteaux con i nostri Buoni e Cofanetti regalo CRÉATION. Per un week-end d’incanto in un ambiente eccezionale, un soggiorno fuori dal mondo o una cena gastronomica alla tavola di uno dei nostri Grands Chefs, più di 300 Maisons Relais & Châteaux accolgono le persone che avete scelto di coccolare, per un’esperienza indimenticabile.

Beneficiario di un regalo CRÉATION? Beneficiario di un forfait LYS?

Chiudere Close
Scoprite un vero giro del mondo della collezione Relais & Châteaux. Per qualsiasi occasione, qualunque sia la durata del vostro soggiorno, ogni Dimora vi offrirà il meglio della sua cultura e del suo territorio.
Il nostro canale TV
Guardate i nostri video tematici
 

 
Chiudere Close
Vivere un’esperienza Relais & Châteaux significa vivere nuove sensazioni. Ognuna delle nostre strutture offre la possibilità di esplorare una varietà di sensazioni incomparabili, dove la bellezza di un luogo, il calore dell’accoglienza e la qualità di una tavola si coniugano in modo perfetto. Profumi e sapori, paesaggi e colori trasformano ogni soggiorno in un momento raro e intenso.
Chiudere Close
Scoprite l’eccellente cucina proposta nelle nostre dimore: tradizionale o contemporanea, non manca mai di stupire con la sua incredibile creatività. Questa caratteristica d’eccellenza è riconosciuta in tutto il mondo, poichè i nostri Grands Chefs sono considerati il vertice della gastronomia più raffinata.

Stampare questa pagina inviare questa pagina a un amico

Ristorante Enoteca Pinchiorri.

Ristorante di un Grand Chef Relais & Châteaux in città. Italia,Firenze

Annie Féolde, Italo Bassi et Riccardo Monco

Chef
Ristorante Enoteca Pinchiorri Firenze I-50122

I miei genitori, che hanno lavorato tutta la vita al Negresco a Nizza, mi hanno fatto conoscere le due facce di una vita dedicata al pubblico: un grande piacere nei contatti ma anche tanti sacrifici nella vita privata.

È per questo che ho fatto di tutto per evitare di fare questo mestiere. Sono cambiata, però, grazie all’incontro con Giorgio Pinchiorri a Firenze. Un appassionato di vini francesi e italiani, che aveva bisogno di accompagnare i propri vini con piccoli spuntini…

Da qui il mio ruolo, modesto, che mi ha permesso di essere la prima donna in Italia a ottenere tre stelle. In altre parole, sono autodidatta, felice di esserlo, appassionata di ricette e tradizioni italiane, raccolte e realizzate da 40 anni nella capitale toscana.

La mia cucina è italiana, basata su prodotti locali, utilizzando tecniche moderne per ottenere risultati migliori sotto il profilo del gusto e dell’emotività.


Qual è stata la Vostra più grande emozione gastronomica?
Innanzitutto, alla Bonne Auberge, ad Antibes, dove la proprietaria faceva il giro dei tavoli, con uno scialle sulle spalle e molta grazia. Poi al Moulin de Mougins – dove ho incontrato i fratelli Troisgros. Al suo passaggio, Roger Vergé sembrava sognante, per la sua capacità di gestire la sua cucina e la serata in completa sicurezza. Che lezione!

Mi ricordo infine di una serata a La Tour d'Argent, dove per una cena di Tradizioni e Qualità, Claude Terrail ci aveva ricevuto come solo lui sapeva fare, donandoci la sensazione di essere tutti dei principi!

Il consiglio per i cuochi della domenica?
Anche se è stato difficile per me abituarmi, mi sforzo di scegliere un piatto unico, per trovare il tempo di intrattenermi con gli ospiti.