Chiudere Close
Relais & Châteaux, è un mondo a parte, un mondo diverso. Un mondo accogliente, caloroso, gourmet, nel quale l'esigenza della migior qualità condivisa dai nostri affiliati si unisce alla passione per la loro struttura e per il territorio che l'accoglie.
Fermer fermer
L’arte di regalare Relais & Châteaux con i nostri Buoni e Cofanetti regalo CRÉATION. Per un week-end d’incanto in un ambiente eccezionale, un soggiorno fuori dal mondo o una cena gastronomica alla tavola di uno dei nostri Grands Chefs, più di 300 Maisons Relais & Châteaux accolgono le persone che avete scelto di coccolare, per un’esperienza indimenticabile.

Beneficiario di un regalo CRÉATION? Beneficiario di un forfait LYS?

Chiudere Close
Scoprite un vero giro del mondo della collezione Relais & Châteaux. Per qualsiasi occasione, qualunque sia la durata del vostro soggiorno, ogni Dimora vi offrirà il meglio della sua cultura e del suo territorio.
Il nostro canale TV
Guardate i nostri video tematici
 

 
Chiudere Close
Vivere un’esperienza Relais & Châteaux significa vivere nuove sensazioni. Ognuna delle nostre strutture offre la possibilità di esplorare una varietà di sensazioni incomparabili, dove la bellezza di un luogo, il calore dell’accoglienza e la qualità di una tavola si coniugano in modo perfetto. Profumi e sapori, paesaggi e colori trasformano ogni soggiorno in un momento raro e intenso.
Chiudere Close
Scoprite l’eccellente cucina proposta nelle nostre dimore: tradizionale o contemporanea, non manca mai di stupire con la sua incredibile creatività. Questa caratteristica d’eccellenza è riconosciuta in tutto il mondo, poichè i nostri Grands Chefs sono considerati il vertice della gastronomia più raffinata.

Stampare questa pagina inviare questa pagina a un amico

Del Posto.

Ristorante di un Grand Chef Relais & Châteaux in città. Stati Uniti,New York

Mark Ladner & Mario Batali

Chef
Del Posto New York 10011

Mark Ladner è il capo cuoco del ristorante Del Posto, nella zona ovest di Manhattan, che ha aperto nell’autunno del 2005. Nel 2010 il ristorante ha ricevuto quattro stelle secondo la classifica del New York Times e più recentemente è stato insignito con una stella Michelin, un riconoscimento di Relais & Châteaux, un «grand Award» della rivista Wine Spectator, e cinque «Mobile Diamonds».

Mark interpreta con grande sensibilità una cucina italo-americana o «Cucina newyorkese» regionale e moderna. Utilizza sempre dei prodotti di origine locale provenienti da coltivazioni responsabili, da lì il nome «Del Posto» appunto.

L’istruzione di Mark prende inizio a Cambridge, Massachussetts nei banconi delle pizzerie possedute e gestite da proprietari indipendenti prima ancora di intraprendere una formazione culinaria più classica presso la Johnson & Wales University di Providence, Rhode Island. Si stabilisce a NYC nei primi anni 90, lavora con diversi ristoratori di pregio finché incontra Mario Batali e Joe Bastianich e apre il Babbo Ristorante come sotto cuoco nel 1998. Successivamente Mark ha aperto il Lupa Osteria Romana (1999), l'Otto Enoteca Pizzeria (2002) e il Del Posto (2005), tutt’essi nella veste di chef/associato. Mark è, insieme a Mario Batali, coautore di Molto Gusto (2010).

Mark abita attualmente in un grattacielo tra le nuvole e dedica il suo tempo libero a divertirsi coi suoi bambini e a studiare la cultura gastronomica e le bevande giapponesi. Lo si vede spesso chinato sul suo iPad in un angolo della cucina di Del Posto.


Qual è stata la sua più grande emozione gastronomica?
Diversi anni fa, insieme ad altre 11 persone (tra cui Mario Batali), ho avuto l'occasione di degustare un menù composto da 12 piatti di animali interi in un immenso ristorante cantonese di Melbourne, in Australia, il Flower Drum. Ricordo ancora con gaudio quell’esperienza e spesso utilizzo quei ricordi come fonte di ispirazione. Grazie Gilbert Lau!

L’incidente di cucina più divertente che le sia capitato?
Temo che certe storie non possano essere pubblicate.

Il miglior consiglio ai cuochi in erba?
Di assaggiare spesso. È l’unico modo di far sviluppare il palato, di tenere sempre in conto le loro possibilità e di lavorare entro i quei limiti.