Chiudere Close
Relais & Châteaux, è un mondo a parte, un mondo diverso. Un mondo accogliente, caloroso, gourmet, nel quale l'esigenza della migior qualità condivisa dai nostri affiliati si unisce alla passione per la loro struttura e per il territorio che l'accoglie.
Fermer fermer
L’arte di regalare Relais & Châteaux con i nostri Buoni e Cofanetti regalo CRÉATION. Per un week-end d’incanto in un ambiente eccezionale, un soggiorno fuori dal mondo o una cena gastronomica alla tavola di uno dei nostri Grands Chefs, più di 300 Maisons Relais & Châteaux accolgono le persone che avete scelto di coccolare, per un’esperienza indimenticabile.

Beneficiario di un regalo CRÉATION? Beneficiario di un forfait LYS?

Chiudere Close
Scoprite un vero giro del mondo della collezione Relais & Châteaux. Per qualsiasi occasione, qualunque sia la durata del vostro soggiorno, ogni Dimora vi offrirà il meglio della sua cultura e del suo territorio.
Il nostro canale TV
Guardate i nostri video tematici
 

 
Chiudere Close
Vivere un’esperienza Relais & Châteaux significa vivere nuove sensazioni. Ognuna delle nostre strutture offre la possibilità di esplorare una varietà di sensazioni incomparabili, dove la bellezza di un luogo, il calore dell’accoglienza e la qualità di una tavola si coniugano in modo perfetto. Profumi e sapori, paesaggi e colori trasformano ogni soggiorno in un momento raro e intenso.
Chiudere Close
Scoprite l’eccellente cucina proposta nelle nostre dimore: tradizionale o contemporanea, non manca mai di stupire con la sua incredibile creatività. Questa caratteristica d’eccellenza è riconosciuta in tutto il mondo, poichè i nostri Grands Chefs sono considerati il vertice della gastronomia più raffinata.

Vicino A Parigi

Venite dalle mie parti...

Centro prenotazioni (Stati Uniti)

1 800 735 2478

Indicate il codice : TROISGROS

Chiamate da un altro paese ? Cliccare qui

BMW

Partner ufficiale delle Routes du Bonheur

Scoprite
le Route
du Bonheur di...

Michel Troisgros
Vedere tutte le Routes du Bonheur

Proprietario della Maison Troisgros
Route du Bonheur 60 anni di Relais & Châteaux, lungo la Nationale 7

La storia della nostra Maison va in parallelo con quella di Relais & Châteaux. Per molto tempo mio padre, Pierre Troisgros, è stato un membro attivo dell’associazione. E’ stato iniziato allo sviluppo dei ’’Relais de Campagne’’ e della grande cucina francese. Questa bella idea è stata all’origine della creazione dei ’’Relais Gourmands’’, un’etichetta che distingueva le migliori tavole dell’associazione e che rappresentava uno stimolo per i cuochi.
Situata a Roanne, di fronte alla stazione ferroviaria, la nostra casa era uno dei rari Relais & Châteaux di provincia in città. Roanne era - e resta - sulla Nationale 7, la ’’Route du Soleil’’ citata e dipinta dai più grandi artisti. Nel 1954 era l’asse principale, la linea diritta Nord-Sud, quella che attraversava il centro delle città e dei paesi e che creava interminabili code durante il periodo vacanziero.
Ormai, la Nationale 7 gioca a nascondino con il GPS o le deviazioni. Volerla seguire oggi costituisce un vero rompicapo. Rimangono ancora i platani lungo la strada, le stazioni di servizio abbandonate e le tracce di vecchie pubblicità sui muri delle fattorie.
Dopo Jean-Baptiste, Jean e Pierre, dopo noi, i nostri figli César e Léo forse prenderanno il nostro posto … Tra un po’ di tempo, in un luogo nobile e agricolo, non lontano dalla stazione ferroviaria di Roanne, la nostra casa assumerà una nuova forma. Si dice che i bei giorni arrivano con la Nationale 7. Inoltre, vi invito a seguirci sulla route du Bonheur…

Per regalarvi l’ispirazione, Relais & Châteaux vi propone le sue Routes du Bonheur : itinerari consigliati che potete adattare alle vostre esigenze e alle esperienze che desiderate vivere. I nostri consulenti sono a vostra disposizione per personalizzare il vostro percorso e per assistervi nell’effettuare una prenotazione presso una delle nostre dimore.
Esempio di soggiorno di 10 notti, a partire da 2330€*
* Prezzo minimo indicativo a persona, in base alla disponibilità, calcolato sulla base di una stanza doppia per due persone, che include il soggiorno, la colazione e la cena (in base al menù, bevande escluse) nelle dimore suggerite nell’itinerario.
Sarà vostra cura prenotare le attività sul posto e nei dintorni.

La mia Route du Bonheur
Percorso 1: 2 giorni, 2 notti

Auberge des Templiers

Mantenere viva la tradizione nella campagna della Sologne
Auberge des Templiers
Punto di partenza della prima Route du Bonheur nel 1954, l’Auberge des Templiers è il garante della memoria di Relais & Châteaux. Sessanta anni più tardi, le magnifiche ’’colombages’’, i mattoni rosa e il parco fiorito che si trovano alle porte della Valle della Loira e della Sologne compongono un’immagine immutabile dell’identità dell’associazione. ’’All’inizio, la Route du Bonheur ha permesso ai suoi componenti di farsi conoscere meglio, ricorda il proprietario Philippe Dépée. Con il tempo, i due si sono legati più profondamente. Come in tutte le unioni che durano, sono i membri che forgiano l’identità dell’associazione piuttosto che l’associazione ad influenzare l’identità dei suoi membri.’’

Nei pressi della dimora...

Il Ponte-canale di Briare

Si dice che sia ’’una Tour Eiffel delle vie navigabili’’: il ponte-canale metallico di Briare è stato per oltre un secolo il più lungo al mondo. Costruito tra il 1890 e il 1896, l’edificio domina sempre la Loira e il vecchio canale laterale scavato al tempo di Enrico IV. Anche Gustave Eiffel ha collaborato alla sua realizzazione. All’epoca, Briare era un luogo importante per il traffico fluviale, oggi, sono i vacanzieri ad approfittare di questo stupendo paesaggio. Qualche metro sopra al fiume, le barche danno l’impressione di volare...

Sulla strada...

I vigneti di Sancerre e di Pouilly

’’La cantina è sempre stato uno dei luoghi più importanti de l’Auberge, sottolinea Philippe Dépée. Amo lavorare nella vigna. Forse perché come il mio, anche questo lavoro si fa con l’amore per un luogo, per un territorio e con l’esigenza di fare bene.’’ Da una parte e dall’altra del fiume Loira, le vigne di Sancerre e Pouilly offrono i colori più belli. Qui si producono alcuni dei più fini sauvignon bianchi e pinot neri del Paese. Vitigni e vini che sono presenti sulla carta del ristorante de l’Auberge tenuta dal Grand Chef Yoshi Miura.

I grandi Chefs di Borgogna

A Joigny, sulle rive dell’Yonne, nel nord della Borgogna, Jean-Michel Lorain continua l’opera creata da suo padre. Il Grand Chef di La Côte Saint Jacques & Spa propone un Borgogna reinventato, tra escargots e spezie provenienti da tutto il mondo. Il paese dello Chablis conduce verso l’impressionante basilica Sainte-Marie-Madeleine de Vézelay, inserita nel patrimonio mondiale dell’Unesco. Sotto la protezione benevola del luogo del Santo, il Grand Chef Marc Meneau unisce il suo savoir-faire pazientemente appreso nei libri ai più bei prodotti della regione nel suo ristorante, L’Espérance. A Saulieu, Patrick Bertron veglia con passione e attenzione sul Relais Bernard Loiseau. Il Grand Chef ha conservato lo spirito dei ’’classici’’ del vecchio maître, se pure sottilmente rinnovati. Non lontano da Beaune, Éric Pras nel famoso Maison Lameloise, prosegue con passione l’opera dei suoi predecessori ampliando il ’’livello di eccellenza’’. A qualche chilometro di distanza, il clima di Borgogna offre le più belle vigne al riparo di piccoli muretti. Puligny-Montrachet, Vosne-Romanée, Vougeot e Gevrey-Chambertin sono a portata di mano… o di bicchiere.

La Côte Saint Jacques & Spa
L’Espérance
Le Relais Bernard Loiseau
Maison Lameloise

Seguite i nostri consigli per prenotare il vostro itinerario. Contattate il nostro centro prenotazione :

1 800 735 2478

Indicate il codice : TROISGROS

Chiamate da un altro paese ? Cliccare qui

Revenir en haut de page
Percorso 2: 2 giorni, 2 notti

Troisgros

L’eccellenza sta nella semplicità
Troisgros
Quando mio nonno Jean-Baptiste decise di stabilirsi a Roanne negli anni trenta, la città era florida grazie all’industria tessile. La stazione ferroviaria di Roanne si trovava allora sulla Linea PLM (Parigi-Lione-Marsiglia). Lione dista solo 90 chilometri. Sebbene il tessile non sia più quello che era, noi siamo rimasti fedeli alla nostra città. Nel corso degli anni, abbiamo creato una relazione stretta, singolare e duratura con i nostri produttori e i nostri fornitori. Qui, le risorse sono belle e varie, tra la pianura, il fiume, gli stagni, la foresta, la montagna. Posta di fronte alla stazione dal 1930, la nostra casa si sposterà di qualche metro nel 2017, ma solo perché la tradizione, per continuare, deve rinnovarsi…

Nei pressi della dimora...

Il tunnel di Hervé Mons, Ambierle

Hervé Mons è un amico e uno dei migliori produttori e stagionatori di formaggio. Migliore Ouvrier de France, conosce sulla punta delle dita le fattorie, le tradizioni e le capacità. Nel corso degli anni, è diventato un punto di riferimento nella professione. Un centinaio di produttori sparsi ai quattro angoli di Francia e oltre, si affidano a lui per la stagionatura e la commercializzazione dei loro formaggi. Il suo piccolo gregge è composto da sole quattro mucche, con qualche decina di forme di formaggio prodotte all’anno. Qualche anno fa, ha avuto l’idea di trasformare un tunnel ferroviario in cantina, dove stagiona Beaufort, Salers, Cantal, Comté, Lavort, Gruyère, e svariate tome.

Mons Fromages

Il Mercato del bestiame, Saint Christophe en Brionnais

Da bambino, mio padre mi ci portava regolarmente. Da Roanne, si attraversano le colline del Charolais. Si tratta di un piacevole viaggio tra boschetti verdeggianti interrotti qua e là da qualche paesino fiero della propria chiesa romana. Ogni mercoledì, a mezzogiorno, il mercato riunisce molti allevatori della zona che presentano i loro bovini per la vendita. Qui si vendono circa 70.000 capi all’anno. Dal 2009, un mercato al quadrante completa il mercato tradizionale creato alla fine del XV secolo. Per la strada, è opportuno fermarsi alla Colline du Colombier, il nostro magnifico albergo sperduto nella campagna, a Iguerande, un paese dove la maison Leblanc produce un eccellente olio di noci.

I vigneti della costa

Suddiviso in una cinquantina di vigneti indipendenti, questo piccolo vigneto beneficia di un DOC dal 1994. Mio padre ha collaborato a lungo con Robert Sérol, viticoltore a Renaison. Oggi è proprio con suo figlio Stéphane, che condividiamo il Blondins, un piccolo vigneto di due ettari, piantato a Gamay. Un vino fruttato ed espressivo che potrete ritrovare nella carta di tutte le nostre proprietà e fino a Tokyo.

Domaine Sérol

Biennale di Arte Contemporanea di Lione

Da appassionato, non manco mai di visitare un’edizione della Biennale di Arte Contemporanea di Lione. E’ all’inizio degli anni 90 che la prima edizione della Biennale ha investito la Halle Tony Garnier. Qui ho scoperto un mondo affascinante ed artisti come Boltanski, Philippe Favier, Annette Messager, Buren, Viallat, Traquandi… Ed è ancora qui che abbiamo scoperto l’opera dell’architetto Patrick Bouchain, con cui realizziamo la futura Maison Troisgros. Nel 2015, il conservatore americano Ralph Rugoff assicurerà la supervisione della Biennale...

La Biennale de Lyon

Sulla strada...

I grandi Chefs di Lione e dintorni…

Guy Lassaussaie ha trasformato il vecchio relais de poste creato dal suo bisnonno in una casa elegante dalle linee contemporanee. Filetto di branzino cotto con la pelle, astice croccante, piccione al fieno, qui domina la qualità del prodotto. Ci troviamo alle porte di Lione, probabilmente l’epicentro della gastronomia francese. Nella ’’città delle luci’’, altri tre grandi Chefs coltivano l’eredità del gusto e dei sapori. A Villa Florentine, Davy Tissot ci apre la sua vista sulla città dalle terrazze della collina di Fourvière. In un ambiente d’ispirazione italiana, lo chef compone i suoi menu sull’immagine della città, ’’un crocevia tra mare e montagna’’. Vicino al Parc de la Tête d’Or, Pierre Orsi declina nel suo ristorante con grande finezza dei classici a base di prodotti nobili. Infine, situato un po’ in disparte, sulle rive della Saône, L’Auberge de L’Île Barbe di Jean-Christophe Ansanay-Alex offre un viaggio verso nuovi sapori dove il foie gras fa amicizia con il ketchup di mele cotogne…

Restaurant Guy Lassausaie
Villa Florentine
Restaurant Pierre Orsi
Auberge de l’Ile Barbe

Seguite i nostri consigli per prenotare il vostro itinerario. Contattate il nostro centro prenotazione :

1 800 735 2478

Indicate il codice : TROISGROS

Chiamate da un altro paese ? Cliccare qui

Revenir en haut de page
Percorso 3: 2 giorni, 2 notti

Georges Blanc Parc & Spa

A Vonnas si è costruito un villaggio per illustrare l’arte di vivere alla francese
Georges Blanc Parc & Spa
’’Celebrare il sessantesimo anniversario di Relais & Châteaux a Vonnas è davvero emozionante per me che sono, indubbiamente, l’ultimo testimone vivente della creazione della prima Route du Bonheur firmata da mio zio il 12 maggio 1954, ricorda Georges Blanc. La nostra proprietà a Vonnas è stata inserita nel 1972 come Relais de Campagne. Facciamo parte dei Relais Gourmands creati insieme a Pierre Troisgros, il padre di Michel. Relais & Châteaux rivela un’anima, con le sue ’’maisons’’ così diverse e uno charme unico nel suo genere’’. Più che un edificio, la famiglia Blanc ha creato un villaggio interamente dedicato all’arte di vivere e alla gastronomia. Una casa che ospita inoltre, con circa 135.000 bottiglie, una delle più belle cantine al mondo.

Nei pressi della dimora...

Parc des Oiseaux, Villars les Dombes

Gru reali, pellicani ricciuti, ibis rossi, cacatua e marabù africani… Sono tante le specie che si possono ammirare in questo parco di 35 ettari inserito in una riserva ornitologica. Un bello spettacolo di uccelli nati ed allevati qui offre al visitatore la possibilità di ammirarli in volo.

Parc des Oiseaux

Hameau du Vin, Romanèche-Thorins

Il mondo del vino si scopre con la viticultura fino alla vinificazione nel luogo creato nel cuore del Beaujolais da Georges Dubœuf. In cinquant’anni, quest’uomo appassionato è passato da semplice imbottigliatore a grande venditore di Beaujolais. La storia della vigna e del vino è declinata in circa 30.000 m2 di parco e di luoghi espositivi. Duemila anni di storia e di savoir-faire che finiscono spesso con la degustazione di un buon bicchiere…

Hameau du Vin

Musée départemental de la Bresse - Domaine des Planons, Saint-Cyr-sur-Menthon

Installato in una magnifica fattoria del XVIII secolo ampliata con un edificio d’architettura contemporanea, questo museo interamente dedicato al patrimonio della Bresse presenta una ricca collezione che riunisce costumi, parrucche e prodotti del territorio. Fedele a questo luogo, Georges Blanc ha partecipato alla creazione di un vero e proprio allevamento di pollame di Bresse. E’ stato inoltre realizzato un orto. Nel 2014, una grande mostra viene dedicata agli smalti di Bresse che ornano le parures dei personaggi famosi del XIX secolo.

Sulla strada...

I grandi Chefs della Valle del Rodano

Vienne la romana ospita una delle istituzioni gastronomiche del percorso. Gestita per molto tempo dallo chef Fernand Point, La Pyramide approfitta oggi del talento di Patrick Henriroux. Design Déco, prodotti regionali, sapori delicati e speziati nel menu. Più a sud, nell’Hôtel Restaurant che porta il loro nome, Régis e Jacques Marcon trasformano la cucina in stelle. Attenta alla natura, certificata ’’ecolabel’’, la loro maison scompare nel paesaggio. Gustare le loro lenticchie verdi di Puy, agnello o pesce di fiume vale il viaggio (quasi) senza ritorno in Alta-Loira. Ma come non fermarsi alla Maison Pic gestita da qualche anno da Anne-Sophie. Conosciuta in tutto il mondo, la nipote di André e figlia di Jacques Pic continua a mettere Valence nel cuore della scacchiera della gastronomia francese. Le sue associazioni, al contempo raffinate e inattese, cercano sempre di esprimere l’essenza stessa dei legumi, del pesce e delle altre carni.

La Pyramide
Hôtel et Restaurant Régis et Jacques Marcon
Maison Pic

Seguite i nostri consigli per prenotare il vostro itinerario. Contattate il nostro centro prenotazione :

1 800 735 2478

Indicate il codice : TROISGROS

Chiamate da un altro paese ? Cliccare qui

Revenir en haut de page
Percorso 4: 2 giorni, 2 notti

Oustau de Baumanière & Spa

L’arte di vivere in Provenza
Oustau de Baumanière & Spa
’’Sono nato nel 1945, l’anno in cui mio padre, Raymond Thuilier, ha creato l’Oustau de Baumanière, racconta il celebre chef stellato Jean-André Charial. La mia famiglia è stata immediatamente coinvolta nella storia di Relais & Châteaux. Dalle poche case situate lungo la Nationale 7 che ne facevano parte negli anni cinquanta fino alla sua espansione attraverso i continenti.’’ Sessant’anni durante i quali L’Oustau de Baumanière è diventato un indirizzo immancabile, frequentato da Brigitte Bardot, dal Generale de Gaulle e dalla Regina d’Inghilterra. E ancora oggi, la storia continua…

Nei pressi della dimora...

Moulin Castelas, Les Baux de Provence

Al Moulin Castelas, Jean-Benoît Hugues produce forse il migliore olio di oliva della valle della Baux-de-Provence. Nei 45 ettari che si estendono lungo i versanti soleggiati delle Alpilles crescono quattro varietà di oliva: l’Aglandau, la Grossane, la Salonenque e la Verdale. Ognuna di esse ha delle particolarità e un profumo singolare. Jean-Benoît lavora il suo olio come se fosse vino, con la stessa passione e precisione. Il frutto si trasforma in un elisir.

Moulin Castelas

Carrières de Lumières, Les Baux de Provence

E se il più grande schermo del mondo si trovasse in Provenza? Nel sito eccezionale delle vecchie cave di Baux scorrono le opere degli artisti più prestigiosi. Filmate da Cocteau nel 1959 nel film Il Testamento di Orfeo, le cave formano oggi uno scrigno straordinario. Più di 6.000 m2 di superficie dove sono proiettati degli spettacoli che giocano con le stelle di Gauguin, Monet o Van Gogh. Ogni anno, una nuova creazione illumina il calcare bianco. Nel 2014, anche Klimt e Vienne sono ospitati qui…

L’Affectif, il vino di Jean-André Charial

E’ nel Domaine de Lauzières, nella valle isolata a sud delle Alpille, che Jean-André Charial produce un vino rosato o rosso dal dolce nome di «L’Affectif». Questo vino DOC Les Baux de Provence offre, a seconda dei millesimi, degli aromi di prugna secca, mora o frutti rossi…

L’Affectif

Sulla strada...

I grandi Chefs da Montpellier a Castellet

A pochi chilometri da Nîmes, Michel Kayser, ’’Sudista’’ d’adozione, declina la Provenza tra un rombo confit all’olio d’oliva e un’isola galleggiante al tartufo di Provenza nel suo Restaurant Alexandre. La Route du Bonheur abbandona la Nationale 7 per una breve deviazione dal versante di Montpellier dove i fratelli Jacques e Laurent Pourcel lavorano a quattro mani attorno ai cinque sensi nel superbo Jardin des Sens. Ritornando verso la parte meridionale della Provenza e i sapori di Luberon che esplodono in bocca a Bonnieux-en-Provence. Nella sua Bastide de Capelongue aperta sui campi di lavanda, Édouard Loubet offre dei piatti che respirano la natura. Arrivati a Marsiglia, Le Petit Nice di Gérald Passédat è un vero inno al mare dove i pesci pescati nelle cale dei dintorni diventano la carne più pregiata al mondo. La Grande Bleue che si ritrova nei piatti provenzali di Christophe Bacquié la cui cucina, all’Hôtel du Castellet, è anch’essa completamente rivolta verso il sole. Questo ’’pazzo’’, cresciuto in Corsica, ha sempre lo sguardo rivolto verso Sud…

Restaurant Alexandre
Le Jardin des Sens
Bastide de Capelongue
Le Petit Nice-Passédat
Hôtel du Castellet

Seguite i nostri consigli per prenotare il vostro itinerario. Contattate il nostro centro prenotazione :

1 800 735 2478

Indicate il codice : TROISGROS

Chiamate da un altro paese ? Cliccare qui

Revenir en haut de page
Percorso 5: 2 giorni, 2 notti

Château de La Chèvre d’Or

Un magnifico palazzo romantico tra il mare e le stelle
Château de La Chèvre d’Or
’’La storia de La Chèvre d’Or è intimamente legata a quella di Relais & Châteaux. Il loro DNA è simile’’, spiega il Maître de Maison, Thierry Naidu. La Chèvre d’Or ha aperto sulla rocca di Eze nel 1953 e si è unito alla prestigiosa associazione solo tre anni più tardi. Se l’edificio era composto allora solo da un piccolo ristorante e da qualche camera nelle alture del paese, oggi dispone di svariati ristoranti e decine di case sulla rocca. La Chèvre d’Or dissimula sempre la raffinatezza delle camere dietro i muri spessi delle vecchie pietre. Al riparo dagli sguardi, la Grande Bleue si offre a voi…

Nei pressi della dimora...

I grandi Chefs della Riviera

Situata a La Napoule, L’Oasis sembra essere sulla riva del Mediterraneo. Cannes, il suo Palais des Festivals e soprattutto, il suo Marché Florville, attirano i cinefili e i buongustai tra cui Stéphane, François e Antoine Raimbault. Qualche chilometro nell’entroterra, sulle alture di Grasse, le foglie argentate degli ulivi vi accolgono alla Bastide Saint Antoine. Conosciuta in tutto il mondo per i suoi profumi, la città offre allo chef Jacques Chibois dei sapori insospettabili e un bello scrigno per i suoi legumi bio. Dopo aver sfiorato Antibes, Nizza e poi il paese di Èze, la Nationale 7 termina infine a Mentone, alle porte dell’Italia. All’ombra dei magnifici limoni, un ultimo sguardo verso il Mediterraneo dal Mirazur, la tavola del talentuoso chef italo-argentino Mauro Colagreco dove si dice che questa Route du Bonheur sia anche quella di tutti i sapori…

L’Oasis
Restaurant Mirazur
La Bastide Saint-Antoine

Le Chemin de Nietzsche, Eze

Pare sia stato lungo il sentiero che porta oggi il suo nome che il celebre filosofo, che abitava nei dintorni, abbia immaginato la terza parte del suo monumentale Così parlò Zaratustra. Sulle orme di Friedrich Nietzsche, si procede tra i muretti di pietra, i cipressi e le bougainvillae, il profumo del mirto e di rosmarino. Il Mediterraneo si offre senza freni in uno sfondo da cartolina. Calcolare circa quarantacinque minuti per scendere e/o un’ora e mezzo per salire lungo i circa 400 m di dislivello.

La Villa Ephrussi de Rothschild, Saint-Jean-Cap-Ferrat

Trasformato in museo nel 1938, questo magnifico palazzo in stile rinascimentale è uno dei più impressionanti di tutta la Costa Azzurra. Grande collezionista di opere d’arte, la proprietaria Béatrice Ephrussi de Rothschild era conosciuta per i suoi gusti raffinati. All’interno della villa, è ancora possibile scoprire gli antichi saloni e appartamenti della baronessa che nascondono un’eccezionale collezione di porcellana francese. Bisogna - soprattutto – abbandonarsi ad uno dei nove giardini "notevoli" della proprietà (indicati dal Ministero della Cultura nel 2005) che si estendono su circa sette ettari.

Villa Ephrussi

Fondazione Maeght, Saint-Paul-de-Vence

L’arte moderna e contemporanea ha trovato qui i suoi più belli ambasciatori. Con questo incredibile edificio, Aimé e Marguerite Maeght offrono uno scrigno eccezionale per le opere di Giacometti, Chagall, Miro, Léger o Braque. L’edificio continua con i superbi giardini abbelliti con opere monumentali. Dalla sua creazione nel 1964, sono molte le mostre monografiche che sono state dedicate a coloro che erano gli amici intimi della famiglia Maeght. La Fondazione celebra quest’anno il suo cinquantesimo anniversario dedicando in primavera una mostra all’architettura del catalano Josep Lluís Sert, mentre quest’estate la fondazione rivisiterà le grandi opere che rappresentano le fondamenta della sua storia…

Fondation Maeght

Seguite i nostri consigli per prenotare il vostro itinerario. Contattate il nostro centro prenotazione :

1 800 735 2478

Indicate il codice : TROISGROS

Chiamate da un altro paese ? Cliccare qui

Testi : © Guides Gallimard